Cosa vedere a Bombay

Bombay/Mumbai – Cosa vedere a Bombay

Mumbai (precedentemente chiamata Bombay Cosa vedere a Bombay, è una città densamente popolata sulla costa occidentale dell’India. Un centro finanziario, è la città più grande dell’India. Sul lungomare del porto di Mumbai si erge l’iconico arco in pietra Gateway of India, costruito dal Raj britannico nel 1924. Al largo, la vicina isola di Elephanta ospita antichi templi rupestri dedicati al dio indù Shiva. La città è anche famosa come il cuore dell’industria cinematografica di Bollywood.

La città dei Sogni

cosa vedere a Bombay
Cosa vedere a Bombay

Mumbai è in ogni modo una megalopoli guidata da potere, ricchezza, glamour e fama che attira le persone a dare forma ai loro sogni e aspirazioni. Ma è anche una città con forti legami storici, meravigliosa architettura britannica, musei, spiagge, luoghi di culto e, soprattutto, una vera galassia di stelle in cui Bollywood regna sovrana.

Si dice che ogni treno che arriva a Mumbai porta su di esso centinaia di persone provenienti da tutta l’India che non sono solo attratte da “vivere” le affascinanti attrazioni della città, ma vorrebbero anche farne la loro casa. Una città di diverse culture e un crogiolo di commercio, industria, intrattenimento, impresa e politica, le città di Mumbai con ricchezza e fama sono state tuttavia recenti. All’inizio non era un centro finanziario cosmopolita. La sua storia ha visto diversi cambiamenti di potere e le sette isole hanno cambiato frequentemente le mani.

Perchè viene chiamata la città di Sette Isole

Cosa vedere a Bombay

Le sette isole che arrivarono a costituire Mumbai furono in precedenza sede di comunità di colonie di pescatori. Per secoli, le isole furono sotto il controllo di imperi indigeni successivi prima di essere cedute ai portoghesi e successivamente alla British East India Company. Durante la metà del 18 ° secolo, Bombay fu rimodellata dal Progetto Hornby Vellard, che intraprese la bonifica dell’area tra le sette isole dal mare. Insieme alla costruzione delle principali strade e ferrovie, il progetto di bonifica, completato nel 1845, trasformò Bombay in un importante porto marittimo sul Mar Arabico.

Bombay nel XIX secolo fu caratterizzata da uno sviluppo economico ed educativo. All’inizio del XX secolo divenne una base solida per il movimento di indipendenza indiano. Dopo l’indipendenza dell’India nel 1947 la città fu incorporata nello stato di Bombay. Nel 1960, in seguito al movimento Samyukta Maharashtra, fu creato un nuovo stato del Maharashtra con Bombay come capitale. La città è stata ribattezzata Mumbai nel 1996. E in questo breve periodo di sviluppo, la città si è trasformata nella capitale commerciale e del divertimento dell’India.

Mumbai ospita importanti istituti finanziari come la Reserve Bank of India, la Borsa di Bombay, la Borsa nazionale dell’India, il SEBI e la sede centrale di numerose società indiane e multinazionali. Ospita anche alcuni dei principali istituti scientifici e nucleari dell’India come BARC, NPCL, IREL, TIFR, AERB, AECI e il Dipartimento di energia atomica. E naturalmente c’è l’enorme industria cinematografica e televisiva hindi che le ha dato il suo fascino stellato.

Elephanta island – Cosa vedere a Bombay

Cosa vedere a Bombay
Cosa vedere a Bombay

La “City of Caves”, su un’isola nel mare dell’Oman vicino a Bombay, contiene una collezione di arte rupestre legata al culto di Shiva. Qui, l’arte indiana ha trovato una delle sue espressioni più perfette, in particolare gli enormi rilievi nella grotta principale.

Le grotte di Elephanta si trovano nell’India occidentale sull’isola di Elephanta (altrimenti nota come l’isola di Gharapuri), che presenta due collinette separate da una stretta valle. La piccola isola è costellata da numerosi resti archeologici antichi che sono le uniche testimonianze del suo ricco passato culturale. Questi resti archeologici rivelano prove di occupazione già nel II secolo a.C. Le grotte di Elephanta scavate nella roccia furono costruite tra la metà del V e il VI secolo d.C. La più importante tra le grotte è la grande Grotta 1, che misura 39 metri dall’ingresso anteriore sul retro. Nel piano, questa grotta nella collina occidentale ricorda da vicino la grotta di Dumar Lena a Ellora, in India. Il corpo principale della grotta, esclusi i portici sui tre lati aperti e la navata posteriore, è di 27 metri quadrati ed è sostenuto da file di sei colonne ciascuna.

Il Gateway of India – Cosa vedere a Bombay

Cosa vedere a Bombay

Il Gateway of India è un monumento ad arco costruito nel XX secolo a Mumbai, in India. Il monumento fu eretto per commemorare lo sbarco del re-imperatore Giorgio V e della regina-imperatrice Maria ad Apollo Bunder durante la loro visita in India britannica nel 1911

Colaba Market – Cosa vedere a Bombay

Cosa vedere a Bombay
Cosa vedere a Bombay

Il mercato di Colaba è principalmente un mercato di ortaggi che si trova tra i negozi di Colaba Causeway e Sassoon Docks. Ci sono anche ristoranti e negozi di argenteria dentro e intorno al mercato. Nascosto dietro Colaba Causeway si trova un mercato ortofrutticolo che ha esattamente ciò di cui hai bisogno.

Il Museo del Principe Galees – Cosa vedere a Bombay

Cosa vedere a Bombay

Il Chhatrapati Shivaji Maharaj Vastu Sangrahalaya (traduzione: ‘Museo del re Shivaji’), abbreviato CSMVS e precedentemente chiamato Museo del Principe di Galles dell’India occidentale, è il museo principale di Mumbai, Maharashtra. [3] Fu fondata nei primi anni del XX secolo da eminenti cittadini di Mumbai, con l’aiuto del governo, per commemorare la visita di Giorgio V, che all’epoca era Principe di Galles. Si trova nel cuore di Mumbai sud, vicino alle porte dell’India. Il museo è stato ribattezzato nel 1998 dopo Chhatrapati Shivaji Maharaj, il fondatore dell’Impero Maratha.

Mani Bhawan – Cosa vedere a Bombay

Cosa vedere a Bombay
Cosa vedere a Bombay

Questo museo registra la permanenza del Mahatma Gandhi nella dimora di Mani Bhavan e ospita molti dei suoi effetti personali. La storia della dimora viene descritta come un centro nevralgico dell’attività di Gandhi dal 1917 al 1934. Mani Bhavan fu il quartier generale di Gandhi a Mumbai per circa 17 anni, dal 1917 al 1934. Da qui Gandhi iniziò molti dei suoi movimenti più importanti, tra cui la non cooperazione, Swadeshi, Satyagraha, Khadi e Khilafat Movimenti. L’associazione di Gandhi con il Charkha iniziò nel 1917, mentre era a Mani Bhavan. Mani Bhavan è anche strettamente associato al coinvolgimento di Gandhi nel movimento per le regole domestiche, così come alla sua decisione di astenersi dal bere latte di mucca per protestare contro la pratica crudele e disumana del phookan diffusa per mungere il bestiame comune durante quel periodo.

Dhobi Ghat o La lavanderia – Cosa vedere a Bombay

Cosa vedere a Bombay

Ormai probabilmente ti stai accorgendo del perché mi ci vorranno 40 messaggi per coprire il nostro viaggio attraverso l’India. Sto ancora parlando di quello che abbiamo fatto sabato, il nostro secondo giorno a Mumbai, e questo rende sette post dedicati a questo solo giorno. Sette! Tuttavia, stipare ogni giorno in un solo post non renderebbe giustizia al viaggio.

Dopo aver lasciato la casa del Mahatma Gandhi nel centro di Mumbai, ci siamo diretti a Dhobi Ghat. Conoscevo il nome perché Dhobi Ghat era una fermata della metropolitana sulla linea MRT che facevo regolarmente a Singapore anni fa, ma non sapevo che si riferisse a un luogo reale. Si scopre che Dhobi Ghat è in realtà la più grande lavanderia all’aperto del mondo a Mumbai. (E infatti è enorme!)

Il Panjrapole – La casa delle mucche – Cosa vedere a Bombay

Cosa vedere a Bombay
Cosa vedere a Bombay

Fu fondato da due uomini d’affari, Jamsetjee Jeejeebhoy e Amichand Shah, nel 1834, inizialmente per occuparsi di cani e maiali randagi. Furono aiutati da un altro filantropo parsi Cowasjee Patel, da cui la zona, il carro armato CP, prende il nome. “Gli inglesi avevano ordinato una sparatoria a vista per controllare il fastidio di cani e maiali randagi sulle strade di Bombay”, afferma Adi Mogralia, segretaria di Bombay Panjrapole. Il rifugio, attualmente gestito da un trust Parsi, si è ampliato per includere filiali a Kalyan, Chembur e Bhiwandi, e una a Bhilad, Gujarat.

Lo scopo del Panjrapole è di nutrire e prendersi cura degli animali in difficoltà e proteggere questi randagi dal finire nei macelli o dall’essere tranquilli. “Siamo qui per prenderci cura degli animali malati, non per ucciderli. Per noi sono come bambini orfani. Forniamo loro fino alla loro morte “, dice.

Gavshala

Ciò che è iniziato come un rifugio per proteggere i randagi ha oggi acquisito un significato religioso. Il dominio delle mucche qui, insieme a molti templi nelle vicinanze, ha conferito un’aria sacra a questo rifugio. Ora attira pii residenti e negozianti dentro e fuori. “Ogni amavasya (luna nuova), le persone scendono in gran numero per nutrire i gavmata e gli uccelli”, afferma il proprietario di una piccola gioielleria imitazione adiacente al rifugio.

Un altro fatto interessante è che la presenza di mucche qui è più casuale del previsto. Il Panjrapole, dice Mogralia, non è un tipico gavshala (rifugio per mucche). Le mucche sono state introdotte per nutrire il latte di mucca ai randagi. “Nel tempo, il numero di mucche è aumentato. Oggi, su 1.800 animali in tutti e sette i rami, 1.300 sono mucche ”, afferma Mogralia. Il solo rifugio Bhuleshwar produce da 800 a 1.000 litri di latte al giorno, che non viene venduto ai caseifici ma ai residenti locali. Il denaro viene utilizzato per la manutenzione del rifugio. “Non usiamo metodi artificiali per produrre più latte. Le nostre mucche sono in salute. Ci prendiamo cura di loro come i nostri bambini “, dice. Ogni mucca qui è etichettata e hanno tutti un nome.

Jeejeebhoy costruì anche un complesso che ospitava 200 negozi e 450 inquilini nell’area, le cui entrate erano destinate al mantenimento degli animali. “Oggi l’affitto non è nemmeno sufficiente per gestire il Panjrapole”, afferma Mogralia. Nel frattempo, con generose donazioni e la buona volontà di pii abitanti del luogo, il Panjrapole continua a essere alto, anche dopo un secolo.

La stanzione di Vittoria – Cosa vedere a Bombay

cosa vedere a Bombay

Chhatrapati Shivaji Terminus (CST), precedentemente noto, Victoria Terminus, è una stazione ferroviaria moderna ma arcaica nella vivace capitale del Maharashtra – Mumbai. La meravigliosa struttura è l’esempio perfetto dello stile vittoriano-gotico dell’architettura in India ed è stata costruita nel 1878. In effetti, la stazione ferroviaria, che funziona ancora come al solito, è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO nel 1997. La stazione è sempre vivace con i suoni della città della metropolitana e della gente del posto. È un capolinea ferroviario vivace, ma ci sono alcuni angoli che ti faranno sentire come se fossi entrato nelle pagine della storia britannica.È uno dei monumenti storici più famosi del paese che è anche il secondo monumento più fotografato in India.

Itinerari Suggeriti da Noi

#1 Cosa vedere in india in 8 giorni #2 Cosa vedere India in 10 Giorni

#3 Cosa vedere in india in 12 giorni / #4 Cosa vedere India in 10 Giorni

#5 Cosa vedere in india in 20 giorni / #6 Cosa vedere India in 26 Giorni

Altri Articoli

#1 Cosa vedere in India / #2 Cosa vedere in Rajasthan #3 Cosa vedere in Kerala

#4 Cosa vedere in Delhi / #5 Cosa vedere a Jaipur/#6 Cosa vedere a Kochi

You may also like...

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *